Forum Dell'Alleanza Della Salute - Vitamina C (acido ascorbico, ascorbati)
    Forum Dell'Alleanza Della Salute
Argania

Forum Dell'Alleanza Della Salute
Nome Utente:

Password:
 


Registrati
Salva Password
Password Dimenticata?

 

    


Menù riservato agli utenti registrati - Registrati  

Nota bene : Tutto ciò che viene scritto in questi Forum è da considerarsi: opinioni, idee, informazioni scientifiche e simili, in linea con la Costituzione Italiana che sancisce la libertà di pensiero e di espressione delle proprie idee. I medesimi non sono invece da considerarsi consigli medici o terapie, per le quali, per legge, è necessario un medico laureato, abilitato e iscritto all'albo. Qui amministratori e moderatori non sono medici, non possono quindi fare diagnosi o terapie; del resto anche per un medico sarebbe impossibile farle via web. Qui però tutti sono liberi di dare opinioni e consigli, anche sbagliati. Le "terapie" si possono ricevere solo dai medici. Se volete applicare i dati o i consigli trovati nel forum, consultate prima il vostro medico curante. Alberto R. Mondini



 Tutti i Forum
 I Forum dell'ARPC
 Preparati, tecniche e sostanze ortomolecolari.
 Vitamina C (acido ascorbico, ascorbati)
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:




Solo gli Amministratori o i Moderatori possono inserire NUOVE discussioni in questo forum Solo gli Amministratori o i Moderatori possono rispondere in questo forum
  Bookmark this Topic  
| Altri..
Autore Discussione  

amministratore

Forum Admin


Inserito il - 08 marzo 2010 : 13:23:33  Link diretto a questa discussione  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di amministratore Invia a amministratore un Messaggio Privato Aggiungi amministratore alla lista amici
L'ASSUNZIONE DI VITAMINA C


Uso e dosi
L'uso di vitamina C è talmente fondamentale per la nostra salute, che è necessario fare una parentesi nell'esposizione delle varie sostanze e dedicare un intero capitolo per spiegare esaurientemente come e quanta usarne.
Dobbiamo, prima di tutto, capire di quanta vitamina C abbiamo bisogno per essere in salute. Abbiamo visto che in media, su un peso di 70 Kg., gli animali ne producono 10 grammi. Questa quantità però, oltre a variare molto da specie a specie, varia da individuo a individuo e talvolta anche da un giorno all’altro nello stesso individuo. Ciò significa che la quantità ottimale di questa sostanza è assolutamente personale. Un semplice metodo, che finora resta anche il solo valido, per determinare quanta ne dobbiamo ingerire è stato ideato dal dott. Cathcart: il test della tolleranza intestinale. Ma andiamo per ordine.

Consigli pratici per l'assunzione di vitamina C.
Prima di tutto acquistate un chilogrammo di ascorbato di sodio. È una polvere bianca e sottile; versatela in un barattolo di vetro a chiusura ermetica e riponetelo al riparo dalla luce e dal calore eccessivo. Prendete poi una parte di questa polvere, 50-100 g., riponetela in un vasetto di vetro, pure questo a chiusura ermetica, e riponetelo al riparo dalla luce. Questo secondo barattolo dovrà bastare per il vostro uso di vitamina per circa una settimana.
Ora cominciate: prendete un grammo di questa polvere (un cucchiaino da caffè espresso da bar = 1,5 g. circa), scioglietelo in un po' d'acqua o di succo di frutta (a piacere) e bevetelo. Ripetete la somministrazione quattro volte al giorno, ogni giorno. L'assunzione migliore sarà a digiuno, prima dei pasti; ma se dovesse darvi fastidio allo stomaco (cosa rara, ma possibile), provate durante o dopo i pasti, in modo da trovare la modalità migliore per voi.
Il secondo giorno aumentate di un grammo. Intendo non un grammo in più ogni somministrazione, ma un grammo in più in tutto il giorno; quindi circa 1,25 grammi per somministrazione. Il terzo giorno aumenterete di un altro grammo, cioè 1,50 g. per somministrazione. E così via, fino al giorno in cui noterete un effetto lassativo oppure sentirete l'intestino in qualche maniera disturbato. Questo significa che avrete superato la dose di vitamina C di cui il vostro organismo ha bisogno, per cui l'intestino starà cercando di liberarsi velocemente di questa quantità in più. La vostra dose ottimale sarà quindi quella del giorno prima. A questo punto avrete completato il test della tolleranza intestinale, avrete trovato la vostra dose personale e continuerete ogni giorno ad assumere questa quantità divisa nelle quattro somministrazioni.
Questo in caso di prevenzione (quindi nella persona sana), o nelle malattie croniche. In quest'ultimo caso sarà probabile che abbiate superato i 15 g. giornalieri; pertanto sarà meglio aumentare anche il numero delle somministrazioni, che sarà tanto più grande quanto maggiore sarà la quantità di vit. C.

Malattie acute.
Nelle malattie acute la somministrazione sarà diversa. Ai primi sintomi prendete 3-5 g. (o più) ogni 2-3 ore; questo è solo indicativo. La quantità di vitamina e la frequenza delle somministrazioni dipende da caso a caso, a seconda della gravità della malattia e della tolleranza personale. Sappiate comunque che potrete arrivare anche a molte decine di grammi in un giorno, ma l'efficacia è sbalorditiva.
Anche nel caso delle malattie acute la diarrea o l'intestino disturbato sarà segno di cessare la somministrazione per quel giorno. Calcolate allora quanta vitamina C avrete assunto, sottraete i grammi dell'ultima somministrazione, e otterrete la dose ottimale giornaliera per voi per quella specifica malattia. Continuate con questo dosaggio fino a guarigione completa e per qualche giorno ancora, finché l'intestino lo permette.

Casi particolari.
Se soffrite di colite, potrà essere un po' più difficile scoprire la vostra quantità ottimale; non scoraggiatevi! Insistete con pazienza; questa sostanza potrà guarirvi dal vostro disturbo.
Alcune persone digeriranno male se prenderanno la vitamina prima dei pasti e dovranno prenderla dopo; altri invece presenteranno il fenomeno inverso. Altri ancora preferiranno l'acido ascorbico invece dell'ascorbato di sodio (due forme della stessa vitamina). Trovate semplicemente cosa va meglio per voi.
In alcune persone già 1 g. di vitamina C può dare diarrea. Questo perché all’inizio l’effetto disintossicante si fa sentire potentemente, specialmente nel fegato. Questo fenomeno può verificarsi anche per altre vitamine, seppur molto raramente. In questo caso cominciate con una dose minima; dopo qualche giorno o settimana potrete aumentarne la quantità leggermente, e gradualmente raggiungere la vostra dose ottimale.
Durante i primi giorni in cui si assumono queste dosi di C, potrete notare le più varie manifestazioni di disintossicazione: diarrea, mal di testa, eruzioni cutanee, dolorini, nausee, ecc... Tutti questi sintomi scompaiono in breve tempo e sono leggeri e sopportabili. Non preoccupatevi, ma siatene contenti: la vitamina C è al lavoro per la vostra salute.
Altre persone (una piccola percentuale) hanno difficoltà ad addormentarsi se prendono vitamina C alla sera. È sufficiente non prenderne più dopo le 18, le 19 o le 20, a seconda della quantità e della sensibilità personale; oppure addizionarla al magnesio, come spiegato più avanti. Ma sappiate che, se soffrite d'insonnia, questa sostanza potrebbe guarirvi.
Se siete soggetti a calcoli renali, dovreste misurare il pH della vostra urina. Se è acida (ossalati), l'ascorbato di sodio andrà benissimo; se è alcalina dovrete assumere questa vitamina sotto forma di acido ascorbico. Sappiate che in questa maniera avrete la miglior prevenzione per il vostro disturbo. Potrebbe perfino succedere che qualche calcolo, già presente, si sciolga.
Alcuni casi di ipertensione sanguigna o ritenzione idrica potranno sopportare male il sodio contenuto nell'ascorbato. In questo caso dovranno usare fin dall'inizio il miscuglio con il carbonato di magnesio indicato più avanti.
Se all’inizio incontrate difficoltà di qualche tipo (eventualità, del resto, non molto frequente), non scoraggiatevi; sappiate che alla fine, con pazienza e costanza, potrete arrivare a prendere grandi quantità di C senza alcun problema.
Una volta che vi siete impratichiti nell'uso dell'ascorbato di sodio e avrete provato i benefici che questa sostanza vi può dare, potrete provare altri tipi di somministrazione. Potrete, ad esempio, provare l'acido ascorbico, da solo o mescolato all'ascorbato.
Un modo che io suggerisco e che si è rivelato ottimo per risolvere molti dei problemi di somministrazione fin qui descritti, si ottiene facendo un miscuglio così composto: 12 parti di acido ascorbico, 5 di carbonato di magnesio leggero, 2 di bicarbonato di sodio. Le parti si intendono in volume (cucchiai) e non in peso; da “aggiustarsi” poi secondo i propri gusti. Fatene la quantità che vi serve per una settimana circa, non di più.
Messo in acqua, questo miscuglio darà una bevanda gradevole e salutare, ben tollerata da stomaco e intestino. Le proprietà del magnesio e dell'ascorbile si sommano a beneficio della nostra salute. L'unico inconveniente di questa soluzione è che una piccola percentuale di persone presenta un'eccessiva sensibilità intestinale al magnesio, che falserà il test della tolleranza; per questo io consiglio di iniziare sempre con il semplice ascorbato di sodio.
Nei casi più gravi di ipertensione potrà essere necessario fare un miscuglio solo con 12 parti di acido ascorbico e 10 di carbonato di magnesio, senza bicarbonato di sodio.
È importante sapere che solo assumendo vitamina C in quantità al limite della tolleranza intestinale (o almeno all’80-90 %), si ottengono i benefici completi che questa molecola ci può offrire; in particolare solo a queste dosi essa esplica tutto il suo potere contro agenti infettivi, soprattutto virus ma anche batteri, ed è anche un ottimo drenante del fegato; proprietà veramente preziosa per quest’organo che, generalmente e in varia misura, è intossicato.
La medicina di stato e delle multinazionali farmaceutiche è pressoché impotente di fronte ai virus. I suoi vaccini e le sue sostanze chimiche danno molto frequentemente risultati deludenti in cambio di tossicità e di imponenti “effetti collaterali”.
Ecco cosa consiglia Pauling, ad esempio, nel caso di raffreddore.
“Sarebbe opportuno portare sempre con voi delle compresse da 1 g. di acido ascorbico: ai primi sintomi di raffreddore o di mal di gola o di presenza di muco nel naso, nonché di dolori muscolari o di malavoglia in generale, iniziate subito il trattamento, ingerendo una o più compresse. Continuate per parecchie ore, prendendo ancora due o più compresse ogni ora. Se i sintomi scompaiono rapidamente dopo la prima o la seconda dose maggiorata di acido ascorbico, potrete ritornare tranquillamente a quella abituale. Se invece i sintomi non dovessero scomparire, non interrompete il regime rinforzato, ingerendo dai 10 ai 20 g. di acido ascorbico al giorno. Nel 1968, il dottor Edme Régnier ha osservato che tutte le volte che un raffreddore viene stroncato o allontanato con l'aiuto di un uso adeguato di vitamina C, l'infezione virale non scompare immediatamente, ma permane latente, per cui è importante che il regime di vitamina C venga prolungato per un periodo di tempo adeguato.
Può anche essere utile controllare un raffreddore con un'applicazione locale di ascorbato di sodio, ottenuta sciogliendo 3,1 g. di ascorbato di sodio in 100 ml di acqua. Nel 1973, Braenden, che è riuscito a curare la maggior parte dei raffreddori, o ad alleviarne i sintomi in maniera rilevante con questo metodo, consigliò di introdurre venti gocce di questa soluzione in ciascuna narice con un contagocce. Fece notare come, in questo modo, si ottiene una concentrazione locale di ascorbato mille volte superiore a quella prodotta dall'assunzione orale.
(...) Bisogna anche badare a stare bene all'erta ai primi sintomi di raffreddore e combatterlo immediatamente: se si aspetta un giorno, o anche qualche ora, prendendo una quantità minima di vitamina C, non sarà più possibile in seguito arrestarne il processo”1.
Checché ne dicano Garattini & C., vi sono numerosissime evidenze e pubblicazioni scientifiche sull’efficacia dell’acido ascorbico. Potete andare a vedere l’ottima documentazione scientifica si trova a questo indirizzo: www.seanet.com/~alexs/ascorbate/index.htm Vi sono riprodotte 64 pubblicazioni di lavori clinici o di laboratorio che comprovano l’efficacia della vitamina C nella cura di innumerevoli malattie. V. anche “Vitamina C, malattie infettive e tossine” Thomas Levi, Macroedizioni, con la citazione di circa 1.200 pubblicazioni sulla vitamina C a sostegno delle nostre tesi.
Ma la cosa migliore è provare voi stessi appena avete un raffreddore, un’influenza o un po’ di febbre. Ne sarete stupiti.

CHE LIBRI PARLANO DELL'ASSUNZIONE DI VITAMINA C AL LIMITE DELLA TOLLERANZA INTESTINALE?

-Quello di Linus Pauling è il più famoso
COME VIVERE PIU' A LUNGO E SENTIRSI MEGLIO

-Quello scritto da Alberto Mondini è il più pratico ed immediato:
COME VIVERE SENZA MALATTIE E SENZA MEDICINE”.

-Studi e sperimentazioni dell'uso di vitamina C da parte di Klenner su donne in gravidanza, o con problemi di aborti ripetuti o in altre patologie: “Osservazioni sulle Dosi e la Somministrazione di Acido Ascorbico Quando è Impiegato Oltre le Quantità Di Una Vitamina nella Patologia Umana

Homo Sapiens Ascorbicus, un robusto mutante umano corretto biochimicamente.

La storia naturale dell'acido ascorbico nell'evoluzione dei Mammiferi e dei Primati e suo significato per l'uomo contemporaneo

Otto decenni di scorbuto. Il caso storico di una ipotesi dietetica fuorviante.

Preparazione dell’Ascorbato di Sodio per iniezioni endovena e per iniezioni intraMuscolo

-Un sito eccezionale, sfortunatamente non in lingua italiana, cita TUTTE le pubblicazioni scientifiche apparse sull'argomento della vitamina C, e ne pubblica 64, tra le più interessanti e innovative: “www.seanet.com/~alexs/ascorbate/index.htm”

-Su questo link potrete leggere le nostre (relative ai partecipanti di questo forum) esperienze e testimonianze e i risultati ottenuti con l'uso di vitamina C e altre vitamine:Esperienze e testimonianze




 Regione Estero  ~  Messaggi: 143  ~  Membro dal: 04 marzo 2010  ~  Ultima visita: 09 novembre 2014
  Discussione  
  Bookmark this Topic  
| Altri..
 
Vai a:

Herniasurgery.it | Snitz.it | Crediti Snitz Forums 2000
Questa pagina è stata generata in 0,22 secondi.