Forum Dell'Alleanza Della Salute - Acido clorogenico - Caffè verde
    Forum Dell'Alleanza Della Salute
Argania

Forum Dell'Alleanza Della Salute
Nome Utente:

Password:
 


Registrati
Salva Password
Password Dimenticata?

 

    


Menù riservato agli utenti registrati - Registrati  

Nota bene : Leggere le "Regole Forum" è stata inserita una nuova regola antiTROLL.



 Tutti i Forum
 I Forum dell'ARPC
 Alleanza della Salute
 Acido clorogenico - Caffè verde
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:




Tutti gli utenti possono inserire NUOVE discussioni in questo forum Tutti gli utenti possono rispondere in questo forum
  Bookmark this Topic  
| Altri..
Autore Discussione  

Alberto R. Mondini

Amministratore




Inserito il - 10 settembre 2011 : 00:44:29  Link diretto a questa discussione  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Alberto R. Mondini Invia a Alberto R. Mondini un Messaggio Privato Aggiungi Alberto R. Mondini alla lista amici
Da wikipedia in francese.

Attività antiossidante
Acido clorogenico 5-ACQ, come tutti i polifenoli, hanno idrossilico fenolico gruppi-OH, può prevenire o rallentare l'ossidazione dei lipidi. In uno studio comparativo con l'acido caffeico, l'effetto di questi due acidi sul autossidazione dei trigliceridi è stato studiato da Marinova et al.10. E 'stato dimostrato che la concentrazione di 2,8 10-4 M, questi due acidi aveva quasi la stessa attività ma in concentrazioni maggiori, l'acido caffeico è stato più efficace.
Uno studio in vitro ha anche mostrato che l'acido clorogenico protetti contro l'ossidazione delle LDL, un primo passo nella formazione di placche di athérome11.
L'attività antiossidante di acido clorogenico è ormai consolidato da diversi studi in vitro, ma l'effetto in vivo rimane incerta, perché è metabolizzato in prodotti possono essere meno attivi.
Questo è il caso di acido ippurico, il metabolita più importante, privo di attività antiossidante, perché non hydroxyle8 gruppo.

Attività di ansiolitici, antidepressivi
Alcuni studi hanno suggerito un legame tra lo stress ossidativo e ansietà. L'effetto ansiolitico di acido clorogenico è stato osservato nei topi sottoposti a test di transizione chiaro / scuro, labirinto più elevata e libera esplorazione. L'alto dosaggio di 20 mg #8901; kg-1 acido chlorogénico ha lo stesso effetto che l'ansiolitico diazepam 1 mg #8901; kg-1, rispetto ai controlli, per i topi la luce test / scuro. Il test del labirinto, più elevata è stato utilizzato per esplorare il ruolo dei recettori delle benzodiazepine (recettori GABA). I risultati suggeriscono che l'attività ansiolitico della clorochina acido potrebbe essere correlata alla attivazione dei recettori delle benzodiazepine.

Diabete
L'acido clorogenico ritarda l'assorbimento intestinale del glucosio e quindi passa attraverso il sang13, 14. È stato osservato che il caffè aumenta la produzione di un ormone intestinale, incretine GLP-1, a causa del acido clorogenico inhibiteurde effetto dell'assorbimento del glucosio. Le incretine rilasciato nel sangue stimola la produzione di insulina del pancreas. Si potrebbe giocare un ruolo preventivo nell'insorgenza del diabete 215.
Gli acidi clorogenici sono stati testati su animali (in vitro) per inibire l'idrolisi irreversibile dell'enzima glucosio-6-fosfato. Questo meccanismo permette di ridurre l'acido clorogenico glicogenolisi epatica (la trasformazione del glicogeno in glucosio) e ridurre l'assorbimento del glucosio nuovo.
Inoltre, studi su animali suggeriscono che la somministrazione in vivo di acido clorogenico può avere effetto sul picco iperglicemico derivante dalla glicogenolisi indotta da glucagone (ormone iperglicemico), con riduzione della glucosio nel sangue e un aumento delle concentrazioni di glucosio-6-fosfato e glicogeno all'interno del fegato. (questo dà anche un notevole effetto dimagrante, ndr) Attività antimutagenica, il cancro

Applicazioni industriali e farmaceutiche
L'acido clorogenico sembra avere proprietà antivirali, e antibatteriche e antifungine con effetti collaterali e tossicità bassa e le proprietà non portano alla nascita di resistenza microbica.




 Regione Veneto  ~  Messaggi: 4386  ~  Membro dal: 06 marzo 2010  ~  Ultima visita: Ieri

IVIO

Utente Medio



Inserito il - 10 settembre 2011 : 11:01:35  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di IVIO Invia a IVIO un Messaggio Privato Aggiungi IVIO alla lista amici
la cosa sembra interessante, ma come l'acido clorogenico potrebbe venire inserito in un programma di integrazione?
Questo programma, che ha lo scopo di farci morire in salute, ovvero non fraintendetemi, di farci arrivare al passaggio finale nelle migliori condizioni possibili sia per noi che per chi ci sta vicino (quindi magari ottuagenari nè vegetali nè rincoglioniti) dovrebbe a mio parere essere per prima cosa personalizzato, e seconda cosa ben gestibile nel corso della giornata.
Inoltre si parla di esperimenti sui topi, cosa che pare essere contrastata, in quanto noi esseri umani mica funzioniamo esattamente allo stesso modo!
Se Alberto gentilmente mi fa capire meglio, gliene sarò grata.
ciaociao

p.s. torno sporadicamente sul forum, quindi scusatemi se mi sono persa qualcosa e entro magari in corso.




  Firma di IVIO 
ivio

 Regione Lazio  ~  Messaggi: 190  ~  Membro dal: 28 maggio 2010  ~  Ultima visita: 28 dicembre 2013 Torna all'inizio della Pagina

Agni

Utente Master


Inserito il - 10 settembre 2011 : 12:36:22  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Agni Invia a Agni un Messaggio Privato Aggiungi Agni alla lista amici

se ho ben capito.... l'acido clorogenico ... può essere assunto bevendo il caffè che viene fatto con il caffè verde.... così infatti si fa normalmente in Germania... in America.... ecc. : si fa bollire l'acqua che viene successivamente versata sul caffè verdefiltrandola con apposito filtro cartaceo.... esistono poi macchinette che oltre a preparare automaticamente il caffè lo mantengono anche caldo....

non so bene se l'infuso di ceffè verde possa essere preparato all'italiana con la Moka.......

per renderlo più dolce userei zucchero di canna grezzo o miele.....




 Regione Lombardia  ~  Messaggi: 2165  ~  Membro dal: 20 marzo 2010  ~  Ultima visita: Oggi Torna all'inizio della Pagina

Alberto R. Mondini

Amministratore




Inserito il - 11 settembre 2011 : 21:41:22  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Alberto R. Mondini Invia a Alberto R. Mondini un Messaggio Privato Aggiungi Alberto R. Mondini alla lista amici
IVIO ha scritto:

la cosa sembra interessante, ma come l'acido clorogenico potrebbe venire inserito in un programma di integrazione?
Questo programma, che ha lo scopo di farci morire in salute, ovvero non fraintendetemi, di farci arrivare al passaggio finale nelle migliori condizioni possibili sia per noi che per chi ci sta vicino (quindi magari ottuagenari nè vegetali nè rincoglioniti) dovrebbe a mio parere essere per prima cosa personalizzato, e seconda cosa ben gestibile nel corso della giornata.
Inoltre si parla di esperimenti sui topi, cosa che pare essere contrastata, in quanto noi esseri umani mica funzioniamo esattamente allo stesso modo!
Se Alberto gentilmente mi fa capire meglio, gliene sarò grata.
ciaociao

p.s. torno sporadicamente sul forum, quindi scusatemi se mi sono persa qualcosa e entro magari in corso.
L'estratto (non l'infuso) di caffè verde può essere usato da chi vuole o ha bisogno di quegli effetti (sempre su una base di integrazione completa di vit. e minerali).
L'ho citato anche perchè ho avuto entusiatici commenti da parte di alcune persone riguardo ai suoi effetti dimagranti e di benessere in generale.




 Regione Veneto  ~  Messaggi: 4386  ~  Membro dal: 06 marzo 2010  ~  Ultima visita: Ieri Torna all'inizio della Pagina

Nataku

Utente Master



Inserito il - 11 settembre 2011 : 21:53:38  Link diretto a questa risposta Aggiungi Nataku alla lista amici
su mia madre 1.2 grammi in 2 botte nn ha dato riscontri ne sul diabete ne sul dimagrimento, in un paio di mesi
era quello al 10% di titolazione




  Firma di Nataku 
Così rispose ad un tale che sosteneva che non esistesse il movimento: si alzò e si mise a camminare".
"Diogene"
Il brahmana Dona vide il Buddha seduto sotto un albero e fu tanto colpito dall'aura consapevole e serena che emanava, nonché dallo splendore del suo aspetto, che gli chiese:
– Sei per caso un dio?
– No, brahmana, non sono un dio.
– Allora sei un angelo?
– No davvero, brahmana.
– Allora sei uno spirito?
– No, non sono uno spirito.
– Allora sei un essere umano?
– No, brahmana, io non sono un essere umano [...]
– [...] E allora, che cosa sei? [...]
– [...] Io sono sveglio.

 Regione Marche  ~  Messaggi: 2389  ~  Membro dal: 04 marzo 2010  ~  Ultima visita: 31 gennaio 2012 Torna all'inizio della Pagina

Alberto R. Mondini

Amministratore




Inserito il - 11 settembre 2011 : 22:10:38  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Alberto R. Mondini Invia a Alberto R. Mondini un Messaggio Privato Aggiungi Alberto R. Mondini alla lista amici
http://www.calvizie.net/documento.a...gs=35.4.1016
Dotato di un notevole potere antiossidante si presta a diventare uno dei più innovativi principi attivi.
Studi preliminari circa la sua farmacocinetica nell'organismo umano indicano che l'assorbimento avviene a livello intestinale e in gran parte dopo idrolisi ad acido caffeico.
La scoperta più importante fatta è la capacità dell'acido clorogenico di intervenire nella regolazione dei livelli di glucosio nel sangue, per azione specifica sulle reazioni di gluconeogenesi e glicogenolisi epatica.
Studi farmacologici hanno già dimostrato che l'acido clorogenico è un inibitore della glucosio-6-fosfatasi, un enzima che svolge un ruolo di primaria importanza nell' omeostasi glicemica del sangue.
Questi risultati sono stati poi confermati da studi in vivo in cui si evidenzia che, proprio grazie a questo meccanismo d'azione, l'acido clorogenico è in grado di ridurre la glicogenolisi epatica (la trasformazione del glicogeno a glucosio nel fegato) e il glucosio circolante.
Si verifica pertanto un abbassamento del tasso ematico di glicemia nel sangue e un aumento delle concentrazioni epatiche di glucosio-6- fosfatasi e di glicogeno.
L'effetto sul controllo degli zuccheri nell'organismo è amplificato da un secondo meccanismo: l'inibizione del loro assorbimento.
Si ipotizza che questo avvenga attraverso un meccanismo di intervento specifico e diretto sulle cellule della mucosa intestinale, determinando una riduzione del passaggio in circolo degli zuccheri introdotti con il cibo.
Per sfruttare al meglio queste proprietà è stato messo a punto uno speciale estratto di Caffè verde titolato in acido clorogenico al 50% (con un bassissimo contenuto di caffeina, < 2%), che è quindi in grado di: accelerare il metabolismo degli zuccheri, di abbassare il picco glicemico, di intervenire sull'assorbimento di glucidi introdotti con la dieta e di controllare la sintesi di lipidi insulino-dipendente.
Gli estratti di caffè verde sono pertanto dei potenti antiossidanti, utili per contrastare lo stress ossidativo e l'invecchiamento, a cui si aggiunge la capacità di controllo degli zuccheri utile in stati pre-diabetici e nel calo ponderale.




 Regione Veneto  ~  Messaggi: 4386  ~  Membro dal: 06 marzo 2010  ~  Ultima visita: Ieri Torna all'inizio della Pagina

Alberto R. Mondini

Amministratore




Inserito il - 11 settembre 2011 : 22:13:52  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Alberto R. Mondini Invia a Alberto R. Mondini un Messaggio Privato Aggiungi Alberto R. Mondini alla lista amici
Nataku ha scritto:

su mia madre 1.2 grammi in 2 botte nn ha dato riscontri ne sul diabete ne sul dimagrimento, in un paio di mesi
era quello al 10% di titolazione
Mah... credo che la titolazione sia troppo bassa; e poi bisogna vedere che alimentazione seguiva.
E' consigliato almeno mezzo grammo di clorogenico al giorno: avrebbe dovuto prendere 5 g. di estratto.




 Regione Veneto  ~  Messaggi: 4386  ~  Membro dal: 06 marzo 2010  ~  Ultima visita: Ieri Torna all'inizio della Pagina

Derrik1966

Utente Senior



Inserito il - 12 settembre 2011 : 23:32:03  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Derrik1966 Invia a Derrik1966 un Messaggio Privato Aggiungi Derrik1966 alla lista amici
Agni ha scritto:


se ho ben capito.... l'acido clorogenico ... può essere assunto bevendo il caffè che viene fatto con il caffè verde.... così infatti si fa normalmente in Germania... in America.... ecc. : si fa bollire l'acqua che viene successivamente versata sul caffè verdefiltrandola con apposito filtro cartaceo.... esistono poi macchinette che oltre a preparare automaticamente il caffè lo mantengono anche caldo....

non so bene se l'infuso di ceffè verde possa essere preparato all'italiana con la Moka.......

per renderlo più dolce userei zucchero di canna grezzo o miele.....


Con la moka resta un dubbio. Chi ci garantisce che il calore dell'acqua bollente non possa disattivare parte dell'ac. clorogenico, così come avviene nella tostatura del caffé tradizionale? Forse si può provare a estrarre la sostanza macinando i chicchi e immergendoli in tintura alcolica e/o glicerina. Ho scaricato un PDF che dice che l'ac. cloregenico è solubile in metanolo (un alcool tossico), suppongo che lo sia anche in etanolo (l'alcool, commestibile). Ho già provato a fare la "TM" di caffè verde e ad assaggiarla: il sapore è buono! Sa di caffé corretto! Però non posso sapere con certezze se l'acido è passato nell'alcool...




 Regione Lombardia  ~  Messaggi: 1534  ~  Membro dal: 14 marzo 2010  ~  Ultima visita: Ieri Torna all'inizio della Pagina

Helios

Utente Senior



Inserito il - 13 settembre 2011 : 08:03:39  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Helios Invia a Helios un Messaggio Privato Aggiungi Helios alla lista amici
Ricordo solo che i tests sugli animali da labarotario, hanno validità comparativa sull'uomo=zero.
Idem per gli studi in vitro.
Come sempre sarebbe opportuno avere degli studi a doppio cieco su esseri umani.




  Firma di Helios 
De rerum natura iuxta propria principia

 Regione Piemonte  ~  Messaggi: 1188  ~  Membro dal: 05 marzo 2010  ~  Ultima visita: 19 aprile 2014 Torna all'inizio della Pagina

Nataku

Utente Master



Inserito il - 13 settembre 2011 : 13:36:44  Link diretto a questa risposta Aggiungi Nataku alla lista amici
si ma helios un quadro lo danno, insomma se inibisce un enzima che fa solo quel lavoro , lo inibisce sia sul topo che sull'uomo,
poi magari scarti betabolici o vie alternative ok, ma intanto quello lo inibisce
è un discorso un po del ca... ma da un quadro...




  Firma di Nataku 
Così rispose ad un tale che sosteneva che non esistesse il movimento: si alzò e si mise a camminare".
"Diogene"
Il brahmana Dona vide il Buddha seduto sotto un albero e fu tanto colpito dall'aura consapevole e serena che emanava, nonché dallo splendore del suo aspetto, che gli chiese:
– Sei per caso un dio?
– No, brahmana, non sono un dio.
– Allora sei un angelo?
– No davvero, brahmana.
– Allora sei uno spirito?
– No, non sono uno spirito.
– Allora sei un essere umano?
– No, brahmana, io non sono un essere umano [...]
– [...] E allora, che cosa sei? [...]
– [...] Io sono sveglio.

 Regione Marche  ~  Messaggi: 2389  ~  Membro dal: 04 marzo 2010  ~  Ultima visita: 31 gennaio 2012 Torna all'inizio della Pagina

Helios

Utente Senior



Inserito il - 13 settembre 2011 : 14:17:18  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Helios Invia a Helios un Messaggio Privato Aggiungi Helios alla lista amici
No Nataku, sperimentare su animali ed estrapolare i risultati sull'uomo è scientificamente ( oltre che, per alcuni, eticamente) sbagliato.
Per darti un'idea, anche se si tratta di un chemioterapico, ricordo di avere letto che quando fu sperimentato il Talidomide sugli animali da laboratorio, diede risultati eclatanti. Sull'uomo fu, ed è tuttora, un disastro come tutti i farmaci allopatici del resto!
Sviluppare una cura sui topi, funziona perché è stata sviluppata e studiata sui topi, punto e basta.
Tu mi insegni che, alimentazione, ambiente e stile di vita, influenzano in modo determinante tutte le malattie, probabilmente più di quanto noi immaginiamo.
Inoltre, le patologie/malattie sviluppate nei laboratori per testare questa o quella sostanza/molecola, non hanno nessuna relazione con le patologie/malattie che appaiono spontaneamente nell'uomo.
Non raccontiamoci balle, dai!!




  Firma di Helios 
De rerum natura iuxta propria principia

 Regione Piemonte  ~  Messaggi: 1188  ~  Membro dal: 05 marzo 2010  ~  Ultima visita: 19 aprile 2014 Torna all'inizio della Pagina

Nataku

Utente Master



Inserito il - 13 settembre 2011 : 14:20:32  Link diretto a questa risposta Aggiungi Nataku alla lista amici
ma quell'enzima lo inibisce o no?
se poi sul topo inibisce 100 e sull'uomo 50, l0importanza è relativa finche nn ha effetti collaterali strani e malsani....
questo dimostra che l'uomo è diverso e verosimilemnte piu complesso, ma cmq quell'enzima è inibito.
(ricordo che la C ha l'effetto collaterale di fare diarrea arrivato a TI)




  Firma di Nataku 
Così rispose ad un tale che sosteneva che non esistesse il movimento: si alzò e si mise a camminare".
"Diogene"
Il brahmana Dona vide il Buddha seduto sotto un albero e fu tanto colpito dall'aura consapevole e serena che emanava, nonché dallo splendore del suo aspetto, che gli chiese:
– Sei per caso un dio?
– No, brahmana, non sono un dio.
– Allora sei un angelo?
– No davvero, brahmana.
– Allora sei uno spirito?
– No, non sono uno spirito.
– Allora sei un essere umano?
– No, brahmana, io non sono un essere umano [...]
– [...] E allora, che cosa sei? [...]
– [...] Io sono sveglio.

 Regione Marche  ~  Messaggi: 2389  ~  Membro dal: 04 marzo 2010  ~  Ultima visita: 31 gennaio 2012 Torna all'inizio della Pagina

Helios

Utente Senior



Inserito il - 13 settembre 2011 : 14:53:57  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Helios Invia a Helios un Messaggio Privato Aggiungi Helios alla lista amici
Nataku ha scritto:

ma quell'enzima lo inibisce o no?

Sui topi si, sull'uomo non è dato saperlo.
Ma se gli stessi studi dicono...sembra che..sembra avere...in vitro...sui topi...ecc!!
Per te significa che ha azione inibitoria certa sull'uomo?





  Firma di Helios 
De rerum natura iuxta propria principia

 Regione Piemonte  ~  Messaggi: 1188  ~  Membro dal: 05 marzo 2010  ~  Ultima visita: 19 aprile 2014 Torna all'inizio della Pagina

Nataku

Utente Master



Inserito il - 13 settembre 2011 : 19:10:27  Link diretto a questa risposta Aggiungi Nataku alla lista amici
be che un diabetico si faccia avanti a provare 1-2 grammi di sta robba per 2 mesi e lo scopriamo subito
pultroppo sono impossibilitato a ritentare su mia madre...




  Firma di Nataku 
Così rispose ad un tale che sosteneva che non esistesse il movimento: si alzò e si mise a camminare".
"Diogene"
Il brahmana Dona vide il Buddha seduto sotto un albero e fu tanto colpito dall'aura consapevole e serena che emanava, nonché dallo splendore del suo aspetto, che gli chiese:
– Sei per caso un dio?
– No, brahmana, non sono un dio.
– Allora sei un angelo?
– No davvero, brahmana.
– Allora sei uno spirito?
– No, non sono uno spirito.
– Allora sei un essere umano?
– No, brahmana, io non sono un essere umano [...]
– [...] E allora, che cosa sei? [...]
– [...] Io sono sveglio.

 Regione Marche  ~  Messaggi: 2389  ~  Membro dal: 04 marzo 2010  ~  Ultima visita: 31 gennaio 2012 Torna all'inizio della Pagina

Scorbutico

Utente Medio


Inserito il - 17 ottobre 2011 : 17:14:42  Link diretto a questa risposta Aggiungi Scorbutico alla lista amici
scusate, se posso; anche l'Ascorbato ad alto dosaggio è stato sperimentato prima sugli animali e poi sull'uomo, almeno su modelli animali che avessero gli stessi o simili deficit nella produzione dell'enzima preposto, come il criceto, una specie particolare di pipistrello, tutti i primati sottospecie Anthropoidae, il canis lupus familiaris; che a parità di peso rispetto ad una capra produce circa l'80% in meno di ascorbato... questo, probabilemtne per via dell'adattamento millenario alla vita affianco all'uomo, ed alla di lui selezione, che mi sembra importante evidenziare, non sarebbe sopravvissuto senza la simbiosi mutualistica con il cane ed allo stesso modo il contrario, o comunque ad oggi saremmo e sarebbero stati 2 animali completamente diversi, per cui il modello canis lupus familiaris è per moltissime cause è concause biologiche più affine al modello umano di quanto s'immagini, giacchè s'è vera la teoria di Stone per la quale furono i raggi gamma di un'esplosione nucleare dovuta al collassamento di una supernova, che disattivarono l'enzima L-gulonolactone ossidase residente nei reni o fegato, la stessa cosa avvenne in maniera simile nel cane, sempre prendendo per buona la teoria della pioggia di raggi cosmici, e non altre eventuali che considerino tale mutazione dovuta alla forte presenza di alimenti ricchi di acido ascorbico...

TABLE I: DAILY PRODUCTION OF ASCORBATE IN ANIMALS
Animal
Ascorbate Production
Milligrams/Kg Body Wgt / per day
Snake 10
Tortoise 7
Mouse 275
Rabbit 226
Goat 190
Rat 150
Dog 40
Cat 40
Monkeys, Apes, Man 0

sarà sgradevole o difficile d'assumere come appunto un assunto ma tale è; il modello animale è il più prossimo a quello umano, e poi se permettete ci sono metodi e metodi, io credo, per sperimentare sugli animali che non comportino necessariamente la tortura, la vivisezione ed altre macabre ed inutili consuetudini della medicina e biologia istituzionale. Come cambia, totalmente con la medicina ortomolecolare, l'approccio generale alla cura dei malanni del mammifero umano e non, allo stesso modo cambiano le modalità di sperimentazione sui vari modelli animali, credo che l'etica divenga una colateralità automatica.




  Firma di Scorbutico 
« So bene che, per non essere io letterato, che alcuno prosuntuoso gli parrà ragionevolmente potermi biasimare coll'allegare io essere omo sanza lettere. Gente stolta! Non sanno questi tali ch'io potrei, sì come Mario rispose contro a' patrizi romani, io sì rispondere, dicendo: ”Quelli che dall'altrui fatiche se medesimi fanno ornati, le mie a me medesimo non vogliono concedere”. Or non sanno questi che le mie cose son più da esser tratte dalla sperienza, che d'altrui parola, la quale fu maestra di chi bene scrisse, e così per maestra la piglio e quella in tutti i casi allegherò »

(L. Da Vinci, Codice Atlantico a 119 v)

 Regione Emilia Romagna  ~  Messaggi: 312  ~  Membro dal: 14 ottobre 2011  ~  Ultima visita: 28 gennaio 2012 Torna all'inizio della Pagina
  Discussione  
  Bookmark this Topic  
| Altri..
 
Vai a:

Herniasurgery.it | Snitz.it | Crediti Snitz Forums 2000
Questa pagina è stata generata in 0,27 secondi.