Forum Dell'Alleanza Della Salute
Stampa Pagina | Chiudi Finestra

colon irritabile ed integrazione ortomolecolare

Stampato da: Forum Dell'Alleanza Della Salute
URL Discussione: http://www.aerrepici.org/forum/topic.asp?TOPIC_ID=4067
Stampato il: Oggi

Discussione:


Autore Discussione: Scorbutico
Oggetto: colon irritabile ed integrazione ortomolecolare
Inserito il: 28 gennaio 2012 15:16:05
Messaggio:

il mio colon irritabile è peggiorato molto da quando assumo vitamina C non c'è ormai alimento che non mi mandi immancabilmente di corsa almeno una volta al giorno(oltre al regolare appuntamento mattutino) in ritirata, assumo Prebioti della Oti che devo dire mi salva collateralmente ma oggi per esempio ho mangiato 100 gr di spaghetti integrali con "purtroppo" una spolverata di cacio caprino stagionato(che non mangiavo da tempo) un "mezzino" di formaggio fresco di capra, una carota una cp di Brain Nutrition della Oti prescrittami, al posto della B3, dallo psichiatra ortomolecolare "pe' finta", da cui mi reco (ha dichiarato che "la salute mentale e generale non dipende dalla dieta, ha in passato scambiato delle mail con Hoffer in persona che gli confidava quanti schizofrenici poi infondo fossero non responder alla B3, [ma me sta'a pija pe' culo?]), il brain nutrition è composto da: Alga klamat e Acidi nucleici... il mio colon reclama vendetta!! ho sentito dire che il potassio sia astringente, il doc.pantellini dice che se ne può assumerne in quantità altri affermano che si rischia d'intossicarsi i reni e compagnia bella, potrei usare l'ascorbato di potassio come astringente intestinale?

Risposte:


Autore Risposta: marfra64
Inserita il: 28 gennaio 2012 16:29:20
Messaggio:

mi dispiace per te Scorbutico
ma a me da quando integro con VIT C + MSM + Multivitaminico

mi sono dimenticato che cosa sono i DIVERTICOLI


Autore Risposta: gibilu
Inserita il: 28 gennaio 2012 16:52:51
Messaggio:

Ciao scorbutico,
secondo me con le tue problematiche dovresti cercare
di sfruttare le caratteristiche delle varie vitamine e minerali
per poterti garantire dei valori ottimali di tutti i micronutrienti,

già in un altro post ti dissi che l'ascorbato di potassio è una buona
soluzione nel tuo caso magari mischiato ad altri bic. e carb.
dosati ad hoc ,
poi molto dipende dalla TI di ognuno, per chi ce l'ha altissima,
non credo che sia la soluzione migliore il solo ascorbato di potassio
in quanto non sò l'impatto che può avere sui reni a lungo termine,
bisogna considerare che il nostro è un uso quotidiano senza mai interrompere,

mi permisi di cosigliarti di valutare l'ipotesi di integrare anche qualche fitoterapico
cercando di prendere 2 piccioni con una fava, facciamo un esempio:
Se tu prendi psicofarmaci, potresti aver bisogno di qualcosa che combatta il senso di spossatezza
che molto spesso causano per l'azione sulla muscolatura e sul SNC come pure sui dosaggi ormonali,
compensando con il tribulus terrestris ad esempio ti garantiresti quel minimo di energie e benessere in più
unite all'azione astringente della protodioscina e delle altre saponine.

Ovviamente questo è solo un esempio per dire che secondo me potrebbe essere questo l'approccio
da usare soprattutto nel tuo caso sennò non ne esci fuori..
i minerali quali il magnesio, potassio e in minima parte anche il calcio
sono importantissimi nell' integrazione e ci permettono tra l'altro di poter smorzare agevolmente
l'acidità dell'acido ascorbico quando i g consumati iniziano ad essere tanti,

se uno ha intenzione di prendere 2 g di C, non ha bisogno assolutamente
di smorzarla con in bic. e carb, io prima di prendere la C a TI
l'ho assunta per anni nell'ordine di 2 avolte 4g g pura senza nessun problema
e assumevo nel frattempo un sacco di altre sostanze, fitoterapici, amminoacidi ecc....
la graviola ad esempio è un forte astringente e così tanti altri fitoterapici..


Autore Risposta: gibilu
Inserita il: 28 gennaio 2012 17:01:24
Messaggio:

L' MSM come consigliato tra l'altro
riduce l'acido cloridrico dello stomaco e si

rivela quindi anche utile per tutte le problematiche
legate al reflusso gastroesofageo,
almeno così è stato per me, da quando faccio integrazione
non ho più sofferto di acidità lo uso in ogni somministrazione di ascorbati
nell'ordine di 1g, quindi 4g totali al giorno,
ovviamente non lo uso solo per questo...


Autore Risposta: Scorbutico
Inserita il: 28 gennaio 2012 17:05:41
Messaggio:

il mio problema è che il fai da te mi ha distrutto, le mie condizioni attuali sono pessime, ho sbalzi d'umore continui, non rispondo più ai farmaci come prima, credo che sospenderò l'integrazione per assestarmi perchè così, con la C non ne esco fuori davvero e ti assicuro che essere un pierrot pieno d'alambicchi è una scena ridicola oltre che patetica, ho ricominciato a prendere anche l'Alcover per non bere, sono distrutto, un attimo mi viene da piangere l'attimo dopo scrivo enormità, sono molto scosso molto, mi vien da bere tutta la scatola di Alcover, non posso bere alcol perchè assumo l'antabuse che prima pre C non mi faceva un tubo, come sides ora mi da depressione, non riesco più a mangiare un ***** sto diventando anoressico, vado da uno psi autodefinitosi ortomolecolare che sembra un salumiere con l'accento campano! una maschera della commedia popolare, dall'altra ci sono io una maschera tragica, mabbaffanculo va!


Autore Risposta: Scorbutico
Inserita il: 28 gennaio 2012 17:09:17
Messaggio:

gibilu ha scritto:

L' MSM come consigliato tra l'altro
riduce l'acido cloridrico dello stomaco e si

rivela quindi anche utile per tutte le problematiche
legate al reflusso gastroesofageo,
almeno così è stato per me, da quando faccio integrazione
non ho più sofferto di acidità lo uso in ogni somministrazione di ascorbati
nell'ordine di 1g, quindi 4g totali al giorno,
ovviamente non lo uso solo per questo...


sai sto assumendo sucralfato per l'acidità, e non più gli inibitori di pompa(funebre) chissà che anche quello non remi contro con i suoi derivati dell'alluminio e con la leggera attività d'incentivare le prostaglandine, non c'è scritto sul bugiardino ma l'ho letto da qualche parte, l'msm mi manda in ritirata, niente da fare.


Autore Risposta: gibilu
Inserita il: 28 gennaio 2012 17:26:34
Messaggio:

Non è sicuaramente facile...
anche se devo dire che non ti manca lo spirito dell'umorismo
e questo è importantissimo,
l'ideale ( e la cosa più difficile )a mio parere è pian piano mollare
tutti i farmaci e cambiare proprio approccio, lavorando anche su di te ,
sino magari a comprendere che certe problematiche sono meno gravi di quel che sembra,
integrazione a parte prendere coscenza che di certe medicine forse non ne hai alcun bisogno,
capisco che non è facile e sono situazioni che non possono essere affrontate così all'acqua di rose
infatti le mie sono solo ipotesi non conoscendo relamente l'entità della situazione..

molto spesso la disintossicazione, da qualunque cosa, droghe comprese, può far apparire la malattia originaria
una passeggiata...
Non bisogna scordarsi di questo...


Autore Risposta: gibilu
Inserita il: 28 gennaio 2012 17:28:09
Messaggio:

dipende quali prostaglandine incentiva..


Autore Risposta: Scorbutico
Inserita il: 28 gennaio 2012 17:32:52
Messaggio:

gibilu ha scritto:

dipende quali prostaglandine incentiva..

a guarda non saprei ci gurderò se riesco a trovare qualcosa, ora sono in fase pianto.


Autore Risposta: gibilu
Inserita il: 28 gennaio 2012 17:56:31
Messaggio:

Per farti capire brevemente..

le prostaglandine di tipo 2 ad esempio sono proinfiammatorie,
mentre quelle di tipo 1 e 3 no,
la pge1 ( prostaglandina di tipo 1) ad esempio è quella usata in andrologia per indurre
l'erezione" chiamiamola artificiale", senza stimolo diretto, da iniettare direttamente nei
corpi cavernosi del pene, è vasodilatoria e ha un ruolo nella crescita della muscolatura liscia,
la stessa ad esempio è contenuta nell'olio di enotera se non sbaglio insieme a quelle di tipo 3,

nei giusti dosaggi esplicano notevli effetti positivi nel corpo umano tra cui ovviamente la modulazione
dei processi infiammatori a differenza appunto di quelle del tipo 2 che inducono infiammazione,
processi infiammatori= produzione di istamina,

la vitamina C come sappiamo tra le altre caratteristiche
è notoriamente antistaminica, quindi come vedi, bisogna fare un pò di attenzione al "fai da te"..


Autore Risposta: Scorbutico
Inserita il: 28 gennaio 2012 19:21:30
Messaggio:

la vitamina C disattiva completamente gli inibitori di pompa protonica, è per questo che son passato al sucralfato che agirà molto modestamente a differenza di quell'altro farmaco antiulcera usato in off label per abortire, sulle prostaglandine che lavorino in senso "produttivo" al malessere dell'acidità, reflusso & co. da qui qualche indicazione anche se secondo questo vet a differenza da quel che il bugiardino, afferma si dovrebbe assumere a stomaco pieno http://www.omeopatiapossibile.it/fa...ntepsin.html e poi quell'idrossido di alluminio viene espulso con le feci o mi entra in circolo e mi intossica il cervello?

05.1 Proprietà farmacodinamiche - Inizio Pagina

Il Sucralfato PLIVA (sale di alluminio del saccarosio-8-solfato) esercita il suo effetto attraverso un'azione locale e non sistemica; il meccanismo d'azione del Sucralfato PLIVA rimane pienamente definito e si basa sulle seguenti osservazioni sperimentali:

1 - Studi condotti sull'uomo e su animali hanno mostrato che il Sucralfato PLIVA forma un complesso aderente con l'essudato proteico del sito ulceroso.

2 - Studi in vitro mostrano che un film Sucralfato PLIVA-albumina costituisce una barriera alla diffusione degli ioni idrogeno.

3 - Nell'uomo il Sucralfato PLIVA alle dosi raccomandate nella terapia dell'ulcera inibisce l'attività della pepsina nel succo gastrico.

4 - In vitro il Sucralfato PLIVA assorbe i sali biliari.

L'attività antiulcera del Sucralfato PLIVA risulta pertanto dalla formazione di un complesso ulcera aderente che copre il sito ulceroso e lo protegge contro gli attacchi acidi delle pepsine e dei sali biliari.

Inoltre numerosi studi sperimentali effettuati su varie specie animali e nell'uomo dimostrano che dopo la somministrazione di Sucralfato PLIVA si ha una efficace protezione della mucosa gastrica nei confronti di agenti gastrolesivi quali l'alcool etilico, l'acido acetico e l'acido acetilsalicilico, senza tuttavia interferire con la secrezione acida o modificare il pH intragastrico.

05.2 Proprietà farmacocinetiche - Inizio Pagina

Il Sucralfato PLIVA non viene assorbito dall'apparato digerente e quindi non provoca azioni sistemiche. In prove su ratti non si riscontra nel sangue e nelle urine né il farmaco, né i suoi prodotti di biotrasformazione.

05.3 Dati preclinici di sicurezza - Inizio Pagina

Il Sucralfato PLIVA presenta una scarsissima tossicità essendo risultato ben tollerato anche in seguito a somministrazioni orali acute di 12 g/Kg nel ratto e di 8 g/Kg nel topo.

Studi di tossicità cronica per somministrazione orale della durata di 24 mesi, condotti su topo e ratto a dosi superiori a 1 g/Kg (12 volte la dose nell'uomo), non hanno messo in evidenza effetti tossici, né evidenziato attività carcinogenetica correlata alla sostanza.

Le prove di teratogenesi (topo e coniglio) e gli studi sulla funzione riproduttiva (ratto) non hanno messo in evidenza, per il Sucralfato PLIVA, alcun effetto negativo sullo sviluppo embrio-fetale.

guarda mi sono risposto da solo non viene assorbito sistemicamente, ammesso che sia la sacrosanta verità, sarà la nausea a darmi fastidio, ma parlo della Nausea di Sartre.


Autore Risposta: Parsifal
Inserita il: 06 maggio 2012 21:30:55
Messaggio:

Messaggio di Scorbutico

il mio colon irritabile è peggiorato molto da quando assumo vitamina C non c'è ormai alimento che non mi mandi immancabilmente di corsa almeno una volta al giorno...


Mio fratello soffriva di un problema simile, ha risolto con: argilla ventilata, Triphala e fermenti.


Forum Dell'Alleanza Della Salute : http://www.aerrepici.org/forum/

© 2013 ARPC

Chiudi Finestra